DSC_7810

Prima e dopo un evento

“Camaleonti in festa” l’evento dello scorso 16 dicembre è stato un vero successo…. quasi inaspettato. Spiego subito: non che non fossimo convinti della qualità dei vari pezzi che avremmo presentato, anzi contavamo sull’effetto NOVITA’ che avrebbe dato punti positivi a questa nuova edizione, è il pubblico che non ci aspettavamo così NUMEROSO. Dalle foto che seguiranno sarete proprio voi a giudicare.

Per organizzare un evento ci vuole tempo, energia, idee e passione. Tanta Passione. Oltre al sacrificio…

Ci si ritrova a fare di tutto: dalla grafica alla distribuzione del materiale informativo, l’allestimento degli spazi con pulizie annesse, bisogna andare in SIAE, fare riunioni con i docenti, supervisionare il lavoro di tutti i gruppi per poterli coordinare al meglio e dare a ciascuno la giusta rilevanza… bisogna tenere le relazioni con genitori e con gli alunni, creare armonia e sostenere il gruppo.

Un evento non è solo l’esibizione degli artisti. L’esibizione è il punto di arrivo di un percorso lungo che può durare anche mesi.

A volte si arriva in riserva al grande momento, quando è proprio arrivata l’ora di aprire il sipario. E cosa si fa in questi casi? Si resiste fino al gran finale. Ti chiedi come e dove puoi trovare le energie. Come puoi nascondere la stanchezza ed entrare in scena?

Come sempre accade nel mondo dello spettacolo, è lo spettacolo a dare risposte alle domande più concrete. L’energia è lì tra il  pubblico basta ascoltarla e prenderla al volo; l’energia è tra i ragazzi che ti sorprendono durante l’esibizione, nel gesto inatteso di un cantante, nelle parole dispiaciute di un chitarrista che si apre in confidenze mentre sul palco c’è il finale dello spettacolo; l’energia la trovi negli occhi di tuo figlio che guarda il tuo lavoro, nella madre che ti abbraccia e ti ringrazia, nel vedere i tuoi maestri – colleghi soddisfatti che brindano a fine serata.

E così finisce il grande giorno, il 16 dicembre, iniziato alle 8.30 del mattino e finito alle 23.30. Tutte queste ore per 90 minuti di festa…… e’ così che funzione, è questo il nostro lavoro. Chi non sta dietro le quinte non se ne accorge e  non ci pensa.

Mi dimentico sempre di farlo ma non questa volta, voglio ringraziare chi mi sta accanto in questo importante compito e senza il quale il 16 dicembre non sarebbe stato possibile. Ringrazio mio maritoRoberto Tonoli                                                                                  

Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn
Pinterest